Secondo il Tar di Lecce la libertà di scelta del medico di base è un diritto esclusivo del paziente.
news

Medico di base, perché è importante la libertà di scelta

La libertà di scelta del medico di base rientra solo ed esclusivamente nella sfera giuridica del paziente. E’ questa, in estrema sintesi, la posizione che è stata assunta dal Tar di Lecce con una sentenza dopo il ricorso che è stato presentato da un medico che, avendo cambiato Comune, ha preteso di mantenere comunque alcuni dei propri assistiti.

La disputa è stata avviata da parte del medico di assistenza primaria avverso l’Asl di Lecce, che tuttavia ha vinto la causa per una semplice ragione: il ricorso doveva essere presentato dal paziente che s’è visto negato il mantenimento del medico di base, proprio in forza al fatto che la libera scelta ricade nella sfera giuridica del paziente. Il Tar di Lecce, di conseguenza, non ha potuto fare altro che dare torto con la sentenza al medico di base, il quale è ricorso in giudizio contro l’Asl di Lecce citando proprio l’inammissibilità per carenza di legittimazione.

Nella scelta di un medico di base rispetto ad un altro l’assistito deve valutare alcuni aspetti che sono tutt’altro che secondari ai fini dell’accesso alle prescrizioni mediche ed alle cure.

Per esempio, da una recente indagine che è stata realizzata dall’Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro di Piacenza, l’ANMIL, è emerso che in 1 ambulatorio di medicina generale su 4 sul territorio sono presenti barriere architettoniche. Nel dettaglio, solo il 74,5% degli ambulatori tra quelli monitorati è a norma di legge mentre nel restante 25,5% sono state rilevate le seguenti criticità: nell’8,2% dei casi sono presenti barriere di un gradino, barriere a più di due gradini nel 14,5% dei casi e barriere con scale per il 2,7%.

Filadelfo Scamporrino

Filadelfo Scamporrino

Ing. Informatico, web content manager indipendente e, per siti e portali specializzati in flussi di notizie, pure business writer, back officer e human resources manager.
Filadelfo Scamporrino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *