Sanità: le liste d'attesa del SSN
news

SSN è intasato e i cittadini ricorrono alla Sanità privata

Quale intervento del Governo, da parte delle famiglie, viene giudicato prioritario? Ebbene, gli italiani hanno sempre più difficoltà nell’accedere alla sanità pubblica a causa dell’annoso problema relativo alle liste d’attesa. Di conseguenza per le famiglie italiane deve essere l’accesso ed il diritto alla salute la priorità del Governo anche perché anno dopo anno, di conseguenza, si fa sempre di più ricorso al privato.

Questo è quanto emerso, tra l’altro, da una ricerca Censis-Rbm Salute sulla sanità integrativa, che è stata presentata nel corso del quinto ‘Welfare Day’, visto che non a caso lo scorso anno la spesa sanitaria nel privato, attestandosi a 33 miliardi di euro, è cresciuta di un miliardo rispetto all’anno precedente. Su base statale, invece, la spesa sanitaria nel pubblico si è attestata complessivamente a 110 miliardi di euro, una cifra insufficiente a placare però i timori e le incertezze sull’accesso all’SSN per il futuro.

Una percentuale pari al 63,4% degli italiani manifesta infatti tali insicurezze con punte del 77,1% al Sud e del 67% se si considerano quelle famiglie dove la coppia ha dei figli. La priorità del welfare, come sopra accennato, per il 54% degli italiani è rappresentata dalle liste d’attesa con numeri che salgono al 59,1% al Sud ed al 62,6% se si considera la popolazione con un’età compresa tra i 29 ed i 44 anni.

Una sanità pubblica con il problema delle liste d’attesa significa doversi rivolgere ad un SSN letteralmente intasato con tempi spesso biblici per gli esami. Non a caso dal Rapporto Censis-Rbm Salute è emerso che nell’ultimo anno i tempi medi per una colonscopia sono saliti da 69 a 79 giorni. Lo stesso dicasi per un’ecografia dell’addome con tempi medi di attesa da 58 a 71 giorni, mentre si è passati addirittura da 45 a 65 giorni per effettuare una risonanza magnetica al ginocchio.

Filadelfo Scamporrino

Filadelfo Scamporrino

Ing. Informatico, web content manager indipendente e, per siti e portali specializzati in flussi di notizie, pure business writer, back officer e human resources manager.
Filadelfo Scamporrino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *