Risultati di un sondaggio sul turismo a Vasto e nel Vastese.
news

Vacanze nel Vastese, ecco i giudizi dei turisti e dei residenti

I turisti per trascorrere le vacanze e per soggiornare nel Vastese preferiscono in prevalenza arrivare con l’automobile di proprietà piuttosto che con il treno, con l’autobus oppure con l’aereo.Nel 53,57% dei casi il turista è inoltre arrivato in vacanza nel Vastese con la famiglia rispetto al 22,22% in coppia, all’11,81% da solo ed all’11,11% con gli amici.

Questo è quanto emerso, tra l’altro, dai dati del Questionario Turistico 2014 che è stato promosso online da Vasteggiando.it su un campione di quasi 500 persone. L’81,94% dei turisti interpellati ha dichiarato d’aver pernottato nel Vastese a fronte di percentuali decisamente più distribuite per quel che riguarda la scelta della struttura ricettiva.

Nel dettaglio, il 40,17% ha optato per la casa di proprietà rispetto al 26,50% dei turisti che ha scelto la casa di amici e parenti. A seguire, a pari merito con una percentuale del 12,82%, la scelta per il pernottamento è stata quella del B&B o dell’agriturismo.

L’indagine online non è stata peraltro effettuata prendendo solo a riferimento i turisti, ma anche chi già vive nel Vastese in forza al fatto che, per definire la migliore offerta turistica, è importante capire  anche cosa pensano e cosa dicono i residenti.

Ebbene, tra le domande ai residenti è stata posta la seguente: ‘Ritiene che Vasto e il Vastese possano puntare ad incrementare e migliorare le attività nel settore turistico rispetto al settore industriale nei prossimi 10 anni?‘.

Il risultato è che il 39,34% del campione auspica che in effetti il turismo nel Vastese possa crescere e migliorare a fronte del 26,32% che prevede un miglioramento dell’offerta turistica solo se nei periodi di maggiore affluenza dei turisti sarà gestita e garantita per tutti la vivibilità nel luogo. Una quota comunque rilevante, pari al 25,76%, ritiene invece che sia il settore industriale quello che genera maggiori posti di lavoro, e che quindi continuare a puntare sul turismo alla lunga, oltre che poco utile, rischia di essere deleterio per i residenti.

Musei, siti archeologici e luoghi di interesse storico

I 2/3 dei partecipanti al sondaggio hanno dichiarato di avere visitato almeno un sito archeologico, un museo o un luogo di interesse storico durante la permanenza nel territorio del Vastese. A colpire è il dato che riguarda la meta più gettonata, Palazzo d’Avalos, che ha raccolto circa il 40% delle preferenze.

Perché si sceglie il Vastese come destinazione turistica

Uno dei momenti decisivi di un sondaggio è quello in cui si chiede perché si è deciso di acquistare un prodotto o un servizio. Ottenere risposte sincere da un campione significativo aiuta a evidenziare punti di forza e di debolezza dell’offerta, errori di strategia e leve da attivare.

Dal sondaggio vasteggiando.it emerge l'assenza di recensioni positive per le attività turistiche della destinazione.

In questo caso le leve del marketing turistico non sono state ancora sfruttate appieno, se è vero che lo 0% dei partecipanti dichiara di essere stato influenzato nella scelta della destinazione dalle recensioni positive e dal passaparola; un dato che tuttavia è in parte spiegabile con la composizione del campione, costituito anche da residenti.

Fonte: vasteggiando.it

Filadelfo Scamporrino

Filadelfo Scamporrino

Ing. Informatico, web content manager indipendente e, per siti e portali specializzati in flussi di notizie, pure business writer, back officer e human resources manager.
Filadelfo Scamporrino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *